Stori di cani – Tara e Chop

1-2 Aprile
Una passeggiata…. Verso Mantova!

“Adotto Chop, cucciolotto vispo e vivace. Decido di intraprendere con lui un corso di “addestramento”. Mi rivolgo ad un centro cinofilo in zona dove praticano lezioni di gruppo. Devo assolutamente acquistare un collare a strozzo altrimenti non mi fanno partecipare! A queste lezioni cani di ogni tipo eseguono comandi come robot e se sbagliano si devono strattonare con il guinzaglio (…ma non fa male,dicono) e si premiano con il bocconcino (metodo gentile…dicono!).

Inoltre non mi divertivo a camminare in campo ripetendo “PIEDE” ad oltranza per inculcargli il comando. Questo lo ripetevo anche in passeggiata e mi veniva l’ansia…come anche a Chop!

Una sera poi l’addestratrice appende Chop per il collare a strozzo, lui piange. Prendo il mio cane impaurito e spaventato e me ne vado. Arrabbiata e frustrata cerco qualcosa di diverso e nel frattempo adotto Tara, un’altra meravigliosa meticcia di taglia grande. E’ a questo punto che conosco Alice.”

Se oggi io e Guru siamo a Mantova lo devo a Tara e Chop. Due meticci di taglia grande molto sensibili e birichini. Assieme a loro conosco Kristel, la loro proprietaria.

“Alice da subito gentile con me, Chop e Tara. Tutto un altro approccio, sentivo che stavo percorrendo la strada giusta. Butto il collare a strozzo e lei ci osserva in passeggiata spiegandomi chi sono i miei cani. Si faceva pure qui il “seduto”, “terra”, “resta”, ma aveva tutto un altro sapore. Nessuno era obbligato ad eseguire dei comandi come dei soldatini e non esistevano punizioni; ci si divertiva e i risultati arrivavano.”


“Alice mette i cani al centro, è il proprietario che deve essere educato a comunicare con loro. I cani parlano in modo molto chiaro, sta a noi capirli ed aiutarli. Grazie a lei ho instaurato un rapporto con Tara e Chop basato sul rispetto e sulla fiducia reciproca. E’ un percorso che non termina mai e le soddisfazioni sono tante. Non è sempre facile, ma ne vale la pena!”

No Comments

Post A Comment